top of page

La nostra storia

Piú di 50 anni di esperienza 

Da lunghissima tradizione la famiglia Valenti ha sempre prodotto vino, sin dagli anni 70’.

Tradizione tramandata di generazione in generazione, da nonno a figlio a nipote fino ad arrivare ad oggi, in cui quella che era solo una passione si è evoluta in una realtà che è Cantine Vigneto Nero.

IMG_6053.JPG
IMG_6119.JPG

Alle pendici dell'Etna , ad una quota di 700 metri dal livello del mare, nel comune di Zafferana Etnea, su un vigneto che rientra tra quelli denominati di "Interesse Storico" nasce Cantine Vigneto Nero. ​

Carlo Valenti, dopo una lunga tradizione tramandata dal nonno, decide di creare questa realtà. L'aiuto del padre è fondamentale nella cura delle piante e del terreno, ed è proprio il padre a raccontargli tutti i segreti per ottenere quelli che oggi sono i vini prodotti da questa cantina.

I terreni di Cantine Vigneto Nero si trovano in Contrada Cavotta, nel versante Est dell'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa.

Il terreno è coltivato principalmente ad alberello, tecnica utilizzata per migliore la qualità dell’uva. L'uva prodotta è esclusivamente quella tradizionale della zona Etnea, così da poter ottenere diversi vini Etna DOC come da disciplinare.

IMG_6104.JPG
IMG_6185.JPG

La scelta della coltivazione ad alberello comporta una gestione più complessa e lunga rispetto alle classiche produzioni intensive, ma di conseguenza ne comporta un frutto più sano e prestigioso.

 

La raccolta in fase di vendemmia viene effettuata a mano. Processo anch’esso più lungo, ma che comporta una selezione dei grappoli pianta per pianta, con l'esclusione di quelli che vengono ritenuti non idonei alla realizzazione di un prodotto di alta qualità.

L'obiettivo di allontanarsi totalmente da un sistema di produzione intensivo è dovuto al fatto che si vuole ottenere un prodotto senza però stressare le piante e spingerle a produrre elevate quantità, abbassandone così la qualità dell'uva. Inoltre la raccolta a mano comporta un maggior benessere della pianta e l'annullamento dello stress causato dai macchinari.

Perché il bassotto? È un simbolo della famiglia, un compagno sempre presente, tanto da diventare la mascotte sia della famiglia che di Cantine Vigneto Nero

IMG_6171.JPG
bottom of page